Management della produzione

Il caso Ferrari S.p.a.

“Un sistema apparentemente accessorio ha prodotto un’evoluzione irrinunciabile.
E’ il dettaglio che cambia gli orizzonti: ora gli uomini possono pensare…” 
Ing. Federica Ferrari – Project Manager, Ferrari S.p.A.

L’arte e l’impegno di Francesco Ferrari hanno permesso nel 1920 la nascita dell’omonima azienda.
In seguito, di padre in figlio, per tre generazioni l’attività è proseguita tramandando esperienza e conoscenza diretta sulla lavorazione, la gestione e la commercializzazione del prodotto finito.
Oggi l’azienda Ferrari rappresenta una realtà produttiva di ampio rilievo e il suo nome è diventato leader del settore.

Esigenze

Ferrari utilizzava strumenti per la gestione della produzione costituiti da tool realizzati internamente o da semplici rilevazioni cartacee.
L’esigenza primaria è quella di dotare la produzione di un efficiente sistema integrato, in grado di consentire il tracciamento di ogni singola unità di movimentazione all’interno della filiera produttiva. L’obiettivo è quello di assicurare una maggior precisione nella gestione delle richieste dei clienti, una modalità di visualizzazione delle informazioni che consenta la riduzione degli errori di finitura e conseguentemente di ottenere un maggiore rispetto delle date di consegna previste ed una maggiore reattività del sistema agli imprevisti produttivi.
Tutte le modifiche apportate all’operatività quotidiana devono essere strutturate con cura in modo da assicurare una migliore ergonomia e controllo in reparto. L’integrazione con il sistema ERP esistente completa il quadro di quanto realizzato.

 

20141112-qualitas-corpo

In ultima analisi le esigenze del progetto Net@Pro in Ferrari sono quindi:
– Integrazione di un sistema di tracciamento del singolo pezzo nella filiera produttiva
– Completa integrazione con i macchinari e minimo impatto operativo
– Flessibilità di adattamento a cambiamenti di impianto/specifiche
– Miglioramento dell’efficienza generale dei sistema produttivo

Soluzione

I moduli di Net@Pro utilizzati nel progetto MES a firma Qualitas Informatica sono:
• BASE
• FPC
• EVENTI/AZIONI
• SHOP FLOR CLIENT
• OGGETTI

Il cuore del sistema MES Net@Pro è costituito dal modulo di integrazione delle antenne alla filiera produttiva (FPC) che consente di integrare nel MES il transito di ogni unità di movimentazione negli impianti per rispondere alle esigenze di controllo dell’attività degli impianti manuali ed automatizzati, dalla verniciatura robotizzata agli addetti alla produzione.

Grazie all’interfacciamento, al passaggio dell’unità di movimentazione nel gate predefinito, viene effettuata la rilevazione e l’invio del programma di verniciatura direttamente ai robot, azzerando di conseguenza la possibilità di errore da parte dell’operatore di reparto.

Tramite l’impiego del modulo SFC, integrato con la gestione dei TAG radiofrequenza, il sistema rileva il passaggio del cofano e presenta sui display degli operatori l’ordine di lavorazione, le quantità da produrre, i dettagli di assemblaggio e di finitura, guidandoli nelle attività quotidiane.

Il modulo Eventi/Azione consente di gestire le esigenze specifiche del cliente strutturando alcune delle procedure custom necessarie al flusso produttivo senza dover sviluppare del codice specifico. Questo ha consentito al team Qualitas di risolvere in modo rapido ed affidabile molte particolarità di progetto, limitando il numero di personalizzazioni del software che portano il sistema “fuori standard”.

Benefici

Dall’introduzione del sistema e a parità di altre condizioni, l’incremento dell’efficienza dei macchinari si attesta mediamente tra il 5 e il 10% in base alle linee di prodotti differenti.
Net@Pro rappresenta per Ferrari un indispensabile strumento di analisi e controllo del flusso produttivo.
L’integrazione dei client di reparto è stata strutturata tenendo come requisito fondamentale la semplicità di lettura delle informazioni in reparto. Di conseguenza il personale di produzione, grazie all’interfaccia lato utente semplice ed intuitiva, non ha avuto particolari problemi nell’apprendere rapidamente come utilizzare il sistema.

L’integrazione del sistema MES con il sistema ERP permette di disporre di informazioni corrette, sempre aggiornate e di ridurre i tempi di pianificazione, requisito sempre più importante in mercati che vivono costantemente la volatilità della domanda.

 20141112-qualitas-corpo1

  http://www.qualitas.it/