Automazione industrialeManagement della produzione

6 segnali per capire se devo automatizzare la mia azienda

Non sempre è facile capire a che punto sia necessario automatizzare la propria azienda. Quando l’attività industriale è classificata nel range delle piccole e medie imprese, esistono delle variabili che possono indicare in quali settori ed in che modo il processo industriale ha bisogno di essere automatizzato.

I sei indicatori da comprendere

Un buon amministratore, nel senso più esteso ed ampio del termine, deve essere in grado di interpretare i segnali che provengono da tutti i settori dell’azienda di cui è al vertice.

Questi fattori possono essere riassunti nei seguenti:

1 – Pianificazione/gestione delle attività e della logistica

Nel mercato contemporaneo è indispensabile operare una corretta previsione della domanda di prodotti, seguendo tempistiche sempre più veloci, in tempo reale. Inoltre occorre interpretare in maniera corretta le esigenze dei consumatori, per garantirne la soddisfazione ed ottenere il minor coefficiente di resi.

L’automazione di questo processo, all’interno della supply chain, riveste un ruolo primario nella pianificazione della produzione, con il risultato di una migliore gestione di eventuali picchi di lavoro o, al contrario, di una contingente scarsità di domanda. In questo modo, sarà possibile allineare tutte le risorse disponibili, interne ed esterne alla catena, in modo da poter gestire l’attività in modo fluido e continuo.

2 – Errori nella fase di approvvigionamento dei prodotti

Questo fattore dipende, nella maggior parte dei casi, dalla mancanza di comunicazione tra i vari dipartimenti all’interno dell’azienda. Ciò comporta errori a vari livelli, perché le quantità di informazioni durante l’attività non vengono scambiate in modo corretto, nella giusta direzione oppure secondo adeguate tempistiche.

Rendendo questo processo automatico, tutti i settori saranno correttamente e tempestivamente informati sulle attività in corso, e pertanto il personale potrà coordinarsi in modo fluido e continuativo, con la possibilità di prestare maggiore attenzione alla qualità del proprio operato, secondo le proprie responsabilità.

3 – Gestione carente degli archivi dell’azienda

I reparti dell’azienda ricevono una grande quantità di informazioni, input, documenti, e spesso possono non avere tempo materiale sufficiente per gestirli in modo corretto, ordinato e metodico. Questo porta a confusione ed errori, a pratiche inevase, clienti scontenti ed arrabbiati, ed, in sintesi, a perdite economiche.

La gestione automatizzata della documentazione in entrata e in uscita consente di monitorare i processi in maniera efficiente, riduce sensibilmente il margine di errore e genera nel personale preposto tranquillità di fondo e sicurezza nelle procedure aziendali, che sono in questo modo comunemente conosciute ed accettate.

4 – Scarso coordinamento tra le figure aziendali, soprattutto tra la Direzione (Management) e personale operativo

Spesso accade che, nell’ambito della gerarchia aziendale, ci siano delle aree di competenza di più persone o, peggio, dei vuoti. Si tratta di situazioni non così rare, e uno dei modi per risolvere questo tipo di problematica può risiedere nell’automatizzare i processi base come la firma dei contratti, l’archiviazione dei documenti, la gestione delle risorse umane per ferie, permessi, comunicazioni e quant’altro.

L’utilizzo di un gestionale informatizzato garantirà risposte più veloci, pertinenti senza perdita di dati o diffusione impropria degli stessi all’interno dei rami aziendali.

5 – La gestione dell’aspetto informatico è in continua crescita e sempre più complessa

L’analisi dei dati è un fattore fondamentale nella supply chain, e questo elemento non può essere ignorato. Anzi, l’automatizzazione aziendale trova nell’aspetto informatico uno dei principali settori di applicazione, per quello che riguarda la gestione dei dati a 360 gradi: dalla conservazione, elaborazione, distribuzione, archiviazione, salvataggio.

6 – Aumento significativo degli ordini e dei volumi di lavoro.

Quando l’impresa è in espansione, può accadere che la pressione e l’euforia generata dall’aumento repentino delle attività possa creare confusione a livello generale.

Il livello di competitività del mercato è in continuo aumento, e, pertanto, deve essere posta massima attenzione alla soddisfazione del cliente; perciò, accade spesso che una singola lavorazione necessiti di più lavoro per essere portata a termine, e pertanto, in questi casi, l’automatizzazione dei processi nella supply chain riduce il carico di lavoro e ne aumenta l’efficienza.