Automazione industriale

La rete 5G: nuove opportunità per l’automazione?

Introduzione rete 5G

Della rete 5G, rete di quinta generazione, negli ultimi anni si è sempre più parlato e il suo lancio nel mercato mondiale delle telecomunicazione è quasi arrivato.

Si parla di un’entrata in funzione nei primi mesi del 2020, ma solo in alcune città e ambiti lavorativi.

Questo sistema sarà in grado di far collegare milioni di dispositivi di tutto il mondo ad una forte velocità di connessione.

L’incremento della rete sarà graduale e non veloce: per un collegamento omogeneo e capillare bisognerà aspettare diversi anni.

Questo sistema, che rivoluzionerà il mondo delle telecomunicazioni, porterà tantissimi benefici. Ad oggi noi usiamo una rete 4G, una rete un tempo in grado di supportare e connettere tutto in poco tempo, invece oggi è diventata molto lenta e sovraccarica, non più soddisfacente per un mercato, sempre più in crescita, di una rete veloce e istantanea.

La futura rete 5G permetterà di collegare velocemente non solo cellulari o tablet, ma più sistemi simultaneamente in tutto il mondo, portando altissimi benefici in tempo reale.
I primi Paesi che hanno potuto già sperimentare questa rete sono gli Stati Uniti e alcuni Paesi sviluppati dell’Asia.

Anche nell’Unione Europea la rete sarà sperimentata in alcune città. Il primo Paese a iniziare questa prova è proprio l’Italia.

Le prime città italiane che hanno iniziato ad usare la rete, in via sperimentale, sono state Milano, L’Aquila, Matera, Bari e Prato, per una durata di 4 anni. La sperimentazione iniziata verso la fine del 2018 ha dato già i primi risultati nella città di Milano e della sua provincia. Visto il buon successo, l’Italia ha deciso in futuro, quando la rete entrerà in pieno funzionamento, di portare questo sistema in tutte le più grandi città, e di collegarle simultaneamente in tempo reale.

Gli ambiti in cui la rete sarà operativa, come detto prima saranno davvero tanti. Si parla del campo turistico, sicurezza, energia, salute, automotive e industria.
Proprio nel campo dell’industria questo sistema vuole migliorare la qualità di connessione per un’alta produzione ed efficienza.

La rete 5G nel campo dell’industria automatizzata

La rete 5G nel campo dell’industria porterà alti benefici, già la rete 4G ha migliorato molto questo sistema, portando i requisiti necessari per la nascita della rete 5G.

Nel campo industriale ci saranno tanti vantaggi, come l’automazione dei macchinari. La linea 5G avendo una banda e una velocità di connessione molto veloce garantirà una rapida e sicura comunicazione in tempo reale con i prodotti e gli umani, la logistica, e i robot.

Le industrie intelligenti, quelle con una produzione automatizzata, avranno sempre più a loro disposizione degli strumenti in grado di unire un processo tradizionale a un sistema più tecnologico e digitale, in un sistema comune in grado di ottimizzare i processi aziendali e della produzione.

Questo sistema che adotteranno le fabbriche farà in modo di aumentare l’efficienza della produzione, la manutenzione degli impianti, la semplificazione del lavoro dei dipendenti e la gestione degli impianti.

In alcune fabbriche del futuro potrà accadere anche che ci saranno possibilità di creare delle isole di produzione flessibili, cioè aree di lavorazione composte da robot di fabbricazione. Questo sistema potrà essere usato anche senza la necessità di un nastro trasportatore che a volte potrebbe rallentare il lavoro.

Nel 2020, quando la linea sarà pienamente operativa, porterà grandissimi aiuti alle aziende che la useranno per la produzione industriale automatizzata. Esso sarà in grado di rilevare problemi e difetti dei prodotti in tempo reale, intervenendo in modo rapido, senza più l’obbligo o la necessità che intervenga un operaio.

L’unione di una rete con una forte velocità e sensori wireless rende questo sistema in grado di controllare e monitorare la linea di produzione in modo continuativo, senza nessuna interruzione.

Con questo sistema le fabbriche intelligenti, saranno molto più agevolate, perché potranno essere gestite anche da lontano. I sensori e robot faciliteranno i lavori più difficili e meccanici, mentre le persone eseguiranno lavori più semplici come quello di controllo o di gestione.