Nelle fabbriche la realtà virtuale sta avendo sempre più spazio e offre ai dipendenti l’occasione di svolgere delle mansioni con maggior sicurezza.

Ecco in cosa consistono le diverse esperienze relative alla realtà virtuale svolte in fabbrica.

La realtà virtuale e la simulazione di un progetto

La prima esperienza in fabbrica della realtà virtuale si concentra quasi esclusivamente sulla fase di progettazione di un nuovo articolo, offrendo ai dipendenti e soprattutto al reparto di studio dello stesso prodotto, l’occasione di ottenere svariati vantaggi che in passato potevano essere definiti come intangibili.

Occorre sottolineare che la realtà virtuale offre l’occasione di valutare quali siano le componenti migliori per la creazione di un prodotto finale di prima qualità, vedendo i materiali migliori che possono essere sfruttati affinché quel tipo di prodotto possa essere definito come perfetto sotto ogni ottica.

La realtà virtuale permette quindi di prevenire una serie di scelte che potrebbero essere tutt’altro che ottimali e che, nel lungo periodo, possono avere una ripercussione negativa sul giro di affari della stessa impresa, la quale potrebbe perdere punti nella sua credibilità.

L’occasione di assemblare il prodotto con la realtà virtuale

Altro tipo di esperienza in fabbrica che sfrutta la realtà virtuale consiste semplicemente nel valutare quali siano tutte le diverse fasi che devono essere svolte affinché sia possibile avere l’occasione di creare, concretamente, quel prodotto stesso.

Sostanzialmente la realtà virtuale offre l’occasione di valutare con cura quali siano tutte le diverse tipologie di passaggi e come prevenire degli errori durante la suddetta fase di montaggio delle parti del prodotto.

Questo genere di esperienza riesce quindi a tramutarsi in grande vantaggio ulteriore, ovvero quello che riguarda l’evitare imprecisioni di ogni genere e allo stesso tempo garantisce la creazione di un prodotto che risponde ai canoni di qualità che vengono richiesti dalla stessa impresa.

Mediante l’utilizzo della realtà virtuale sarà inoltre possibile vedere anche percorsi alternativi in fabbrica durante l’esecuzione della fase di assemblaggio di un prodotto e questo permette di evitare procedure che sono del tutto inutili, garantendo alla stessa impresa un sostanziale risparmio economico.

La realtà virtuale, mediante queste due tipologie di procedure, offre dunque l’occasione di raggiungere un ottimo risultato finale che potrà essere ottenuto a patto che la realtà virtuale stessa venga adoperata in modo professionale e attento, con lo scopo di trovare le soluzioni migliori sinonimo di risparmio e maggior efficienza.

Realtà virtuale e sicurezza in fabbrica, l’esperienza necessaria

Anche nell’ambito della sicurezza la realtà virtuale  è un utile strumento, affinché la fabbrica stessa possa essere intesa come luogo in grado di assicurare ai dipendenti la possibilità di operare senza grosse complicazioni, evitando ogni genere di potenziale complicazione.

La simulazione delle diverse fasi operative e l’utilizzo di strumenti e soluzioni varie consente anche di valutare il livello di rischio che caratterizza ogni strumento e fase lavorativa, garantendo quindi un ottimo risultato finale privo di ogni genere di complicazione.

In questo modo i dipendenti hanno la concreta possibilità di conoscere esattamente tutti i diversi rischi ai quali si va incontro durante lo svolgimento di una mansione, trovando una soluzione utile a prevenire che gli stessi problemi possano palesarsi durante la fase lavorativa.

Anche in tale circostanza la realtà virtuale si presenta come strumento necessario che consente di tramutare radicalmente il concetto di sicurezza in fabbrica, scongiurando una serie di pericoli che, in una prima fase, potrebbero non essere stati contemplati ma che potrebbero palesarsi improvvisamente e rendere la situazione meno semplice del previsto.

Un’esperienza necessaria che molte fabbriche hanno deciso di vivere affinché i sistemi di sicurezza possano essere immediatamente e facilmente adottati, scongiurando ogni genere di potenziale situazione negativa abilmente celata.

Quante fabbriche hanno sperimentato la realtà virtuale

Soprattutto nel suolo americano la realtà virtuale, così come quella aumentata, sono degli elementi che sono entrati a far parte della fabbrica.

Non tutte hanno deciso di adottare questa tipologia di soluzione ma, quelle che hanno ben pensato di percorrere questa strada, si sono trovate con un grande vantaggio.

Hanno potuto mettere in mostra il loro lato professionale facendo in modo che ogni fase produttiva possa essere potenziata e offrire il miglior vantaggio possibile ai dipendenti, garantendo agli stessi l’occasione di evitare procedure che possono mettere in pericolo la loro salute, facendoli operare seguendo determinati standard positivi in grado di rimuovere ogni genere di ostacolo fin da subito, prevenendo quindi eventuali blocchi all’interno dell’impresa stessa.

In Europa pure il concetto di realtà virtuale nell’ambito aziendale sta riscuotendo un ottimo successo mentre in Italia questo strumento sta venendo lentamente introdotto nelle fabbriche, ancora oggi ancorate ai vecchi progetti e a procedure che possono essere utili ma che sono leggermente arretrate e non permettono alle stesse fabbriche di fare quel salto evolutivo previsto dal concetto di industria 4.0.

Ovviamente la realtà virtuale non deve essere sinonimo di operazioni svolte senza professionalità: ogni esperienza deve accrescere gli stessi dipendenti e fare in modo che questi possano applicare concretamente tutte le soluzioni migliori ponderate durante le varie simulazioni, prevenendo quindi eventuali imprecisioni che possono non essere utili per la produttività aziendale.

Pertanto la realtà virtuale, grazie alle esperienze che questa permette di vivere, rappresenta una vera e propria soluzione utile che riesce a potenziare ulteriormente le diverse imprese, facendo in modo che le fabbriche possano essere operative e in grado di rispettare le diverse tabelle di marcia impostate, migliorando i prodotti finali assicurando agli stessi un livello qualitativo elevato.