Comunicati Stampa

Quattro pazienti su dieci temono che i problemi della catena di approvvigionamento farmaceutico concorrano a maggiori rischi di malattia e morte

Shot of a young pharmacist assisting a customer in a chemist

In questo articolo:

Da un nuovo studio di Zebra emergono problemi di fiducia verso l’industria farmaceutica, ma i leader del settore si impegnano a essere più trasparenti

Milano, Italia – 16 novembre 2021Zebra Technologies Corporation (NASDAQ: ZBRA), azienda all’avanguardia tecnologica in grado di offrire soluzioni e partner per garantire un vantaggio in termini di prestazioni, ha presentato oggi i risultati del suo Pharmaceutical Supply Chain Vision Study. Lo studio rivela una mancanza di fiducia dei pazienti nei confronti della supply chain farmaceutica, quindi le organizzazioni che producono, distribuiscono e prescrivono farmaci. In particolare, il 43% teme un maggior rischio di malattie e/o morti a causa di farmaci contaminati o alterati.

Conoscere l’origine delle paure dei pazienti – e dei trattamenti farmaceutici

L’efficacia e la sicurezza dei medicinali sono oggi in cima alle preoccupazioni dei pazienti: tre su quattro, infatti, dichiarano di essere abbastanza o molto preoccupati in merito all’efficacia dei farmaci nel trattare la loro condizione o malattia. Inoltre, sette pazienti su dieci sottolineano la paura di ricevere:

  • una dose errata a causa di errori di etichettatura (con l’eventuale danno che ne consegue)
  • medicine illegali, contaminate, alterate, scadute o contraffatte
  • farmaci che sono stati movimentati/conservati impropriamente durante il trasporto e che potrebbero essere danneggiati o avere una minor efficacia.

I pazienti sanno che una supply chain compromessa mette a rischio la qualità e l’efficacia dei farmaci, per questo vorrebbero maggiori garanzie di autenticità e sicurezza. Nove intervistati su dieci ritengono che sia abbastanza o molto importante poter verificare che un farmaco non sia contraffatto o manomesso nonché avere conferma che i farmaci sensibili alla temperatura siano stati gestiti entro i limiti prescritti.

Le persone intervistate si aspettano inoltre che le case farmaceutiche dichiarino come i farmaci siano stati prodotti/maneggiati (81%) e trasportati/conservati (82%). L’80% afferma, poi, che è importante verificare l’origine dei componenti dei farmaci, compreso il Paese d’origine e vuole rassicurazioni sugli standard locali. Non ultimo, il 79% degli intervistati vorrebbe farmaci da fonti sostenibili e la conferma che il produttore stia adottando tecniche per proteggere l’ambiente, il benessere degli animali, le comunità locali e la salute pubblica.

“Queste richieste dei pazienti – in continua evoluzione – saranno certamente un campanello d’allarme per i leader dell’industria farmaceutica che, per anni, si sono concentrati principalmente sul rispetto degli standard normativi”, ha dichiarato John Wirthlin, Industry Principal, Manufacturing, Transportation and Logistics, Zebra Technologies. “Produttori, agenzie governative, farmacie e operatori sanitari devono lavorare insieme per conquistare la fiducia dei consumatori nella supply chain.”

In generale, dallo studio emerge che l’industria farmaceutica deve concentrarsi di più per dimostrare che i bisogni dei pazienti sono prioritari. Ciò è indispensabile per guadagnare la fiducia e la fedeltà dei consumatori su larga scala.

I pazienti richiedono maggior trasparenza e senso di responsabilità

Più di otto pazienti su dieci concordano sul fatto che il governo/gli organi di controllo e le aziende farmaceutiche debbano collaborare sinergicamente per proteggere i pazienti e garantire che i farmaci che vengono dispensati siano sicuri ed efficaci. E più del 40% dei pazienti e dei decision-maker in ambito farmaceutico affermano che i legislatori, le aziende farmaceutiche e i produttori sono i maggiori responsabili della lotta contro i farmaci contraffatti, rubati e contaminati. Eppure, l’onere di implementare protocolli di sicurezza affidabili spetta a coloro che producono, distribuiscono e somministrano i farmaci, con gli ospedali che si accollano il peso maggiore della responsabilità agli occhi del 57% dei pazienti.

“In un mondo perfetto, i farmaci potenzialmente dannosi non dovrebbero essere una preoccupazione di farmacie, ospedali, e altre organizzazioni che li prescrivono”, ha aggiunto Wirthlin. “Questo è il motivo per cui la direttiva sui medicinali falsificati è ora in pieno vigore nell’Unione europea, e la Food and Drug Administration richiede che i sistemi di tracciamento dei prodotti entrino in vigore entro il 2023 negli Stati Uniti come parte del Drug Supply Chain Safety Act.”

La maggior parte dei decision-maker del settore farmaceutico (84%) ritiene di essere pronta a conformarsi ai requisiti di tracciabilità e trasparenza. Tre quarti confermano di aver già implementato la tecnologia dei servizi di localizzazione o di avere in programma di farlo nel prossimo anno – una strategia che migliorerebbe i flussi operativi della produzione e la tracciabilità dei farmaci, ridurrebbe le differenze inventariali e le manomissioni, e offrirebbe ai pazienti la visibilità e le informazioni che desiderano.

La sfida più grande che i leader del settore stanno affrontando è quella di essere in grado di produrre – e movimentare – una quantità di farmaci adeguata a soddisfare i bisogni dei pazienti. Oltre ai ritardi normativi, i decision-maker del settore sostengono di dover affrontare anche limiti di produzione, problemi di distribuzione e stoccaggio, limiti di capacità di spedizione e ritardi nei trasporti. Ecco perché il 92% prevede di aumentare gli investimenti nella produzione farmaceutica e negli strumenti di monitoraggio della supply chain nel corso del prossimo anno.

Problemi nei punti vendita e non solo

Oltre tre pazienti intervistati su quattro dichiarano di aver avuto in passato problemi nell’acquisto o nell’assunzione di farmaci, con i millennial (82%) che riportano più problemi dei boomer (61%). I millennial non tollerano errori e sono due volte più propensi dei boomer a cambiare farmacia per trovarne una che possa soddisfare le loro esigenze. Inoltre, il 70% di tutti i pazienti ha confermato di aver cambiato medico, farmacia o farmaco in passato a causa di un’esperienza negativa.

Subire un grave effetto collaterale dopo l’assunzione di un farmaco è uno dei cinque maggiori problemi riscontrati dai pazienti, anche se non è il più diffuso:

  1. Il 32% ha avuto necessità di un farmaco non disponibile o esaurito.
  2. Il 29% ha ricevuto una dose parziale a causa della non disponibilità al momento.
  3. Il 27% ha trovato lo stesso prodotto ad un prezzo inferiore altrove.
  4. Il 22% non ha ricevuto il farmaco in tempo.
  5. Il 21% ha avuto un grave effetto collaterale.

La maggior parte delle preoccupazioni ricorrenti dei pazienti riguarda l’accessibilità dei farmaci (76%) e la carenza (73%). Tuttavia, sicurezza ed efficacia rimangono fondamentali: secondo l’85% dei pazienti, le farmacie dovrebbero monitorare i farmaci distribuiti, comprese le farmacie per corrispondenza.

Principali risultati dell’indagine suddivisi per regione

Asia Pacifica (APAC)

  • Più di tre quarti dei pazienti sostengono che è necessaria una maggiore regolamentazione quando si tratta di medicinali, e quasi tutti (95%) i decision-makers ritengono indispensabile una migliore cooperazione tra governi/organi di controllo e aziende dell’industria farmaceutica per proteggere i pazienti, la più alta di qualsiasi regione.

Europa

  • Solo il 64% dei pazienti e il 74% dei decision-makers del settore concordano sul fatto che la consegna diretta dei farmaci per posta sia un modo conveniente e sicuro – il livello di consenso più basso tra le regioni.

America Latina

  • I pazienti latino-americani sono i meno tolleranti, con l’87% che riporta un cambio di farmacia, fornitore o farmaco a causa di una cattiva esperienza.

Nord America

  • I pazienti del Nord America sono i meno informati sulla tracciabilità farmaceutica. Solo il 33% sostiene di avere adeguata o molta familiarità con il concetto.

BACKGROUND DELLO STUDIO E METODOLOGIA

Il Pharmaceutical Supply Chain Vision Study di Zebra è stato condotto tra un pubblico globale di oltre 3.500 pazienti e decision-maker del settore farmaceutica al fine di valutare la trasparenza percepita lungo la supply chain, misurarne la responsabilità e la fiducia e identificare le esigenze di miglioramento della visibilità e della trasparenza della stessa. I pazienti sono adulti con problemi di salute che richiedono la prescrizione di farmaci o trattamenti effettuati in farmacia. I decision-maker del settore farmaceutico sono leader di livello executive in organizzazioni sanitarie, manifatturiere, di vendita al dettaglio in farmacia o di trasporto e logistica che gestiscono operazioni nella supply chain farmaceutica o biofarmaceutica. Tutti i dati sono stati raccolti e tabulati dalla società di ricerca terza Azure Knowledge Corporation.

ZEBRA TECHNOLOGIES

Zebra (NASDAQ: ZBRA) consente alle organizzazioni di affermarsi nell’economia on-demand rendendo ogni lavoratore in prima linea e asset visibile, connesso e completamente ottimizzato. Con un ecosistema di oltre 10.000 partner attivi oltre 100 nazioni, Zebra fornisce soluzioni a clienti di tutte le dimensioni – compreso il 94% delle aziende Fortune 100 – con un premiato portfolio di hardware, software, servizi e soluzioni che digitalizzano e automatizzano i flussi di lavoro. Le supply chain sono più dinamiche, i clienti e i pazienti serviti meglio e i lavoratori sono più motivati quando utilizzano le innovazioni di Zebra che li aiutano a comprendere, analizzare e agire in tempo reale. Nel 2021, Zebra ha ampliato il suo portfolio di automazione industriale con l’acquisizione di Fetch Robotics e ha migliorato le sue funzionalità di machine vision e software AI con le acquisizioni di Adaptive Vision e antuit.ai. Zebra è #25 nella classifica Newsweek dei luoghi di lavoro più amati d’America e in quella Forbes dei migliori datori di lavoro d’America per il quinto anno. Scopri di più su www.zebra.com o iscriviti alla newsletter. Seguite il blog Your Edge di Zebra, LinkedIn, Twitter e Facebook, e controllate il nostro Story Hub: Zebra Perspectives.