Wiki automazione

FACTORY AUTOMATION

Per Factory Automation, traducibile in italiano con la locuzione “Automazione Industriale“, s’intende l’insieme di tutti gli strumenti e tutti i macchinari in grado di sostituire la forza lavoro dell’uomo in tutta la filiera che conduce all’ottenimento di un prodotto finito.

I campi di applicazione della Factory Automation

I campi di applicazione delle macchine per l’automazione industriale sono infatti molteplici, e non si limitano alla sola area produttiva: basti pensare a tutte le soluzioni già esistenti che consentono di trasportare, catalogare e perfino spedire un prodotto.

Amazon, esempio di automazione industriale

Uno degli esempi più immediati e chiari di automazione industriale è quello che viene dal colosso statunitense Amazon. In molti suoi magazzini, infatti, Amazon ha implementato robot molto efficaci, denominati Kiva. Questi robot – che in futuro potrebbero essere sostituiti a discapito di modelli avanzati e più efficienti – sono in grado di trasportare interi scaffali (fino a 320 kg di peso), ricevono ordini mediante un sistema computerizzato e possono compiere più di 30 kilometri al giorno, percorrendo corsie delimitate da codici a barre che gli strumenti sono in grado di leggere.

Poiché si tratta di automazione, i robot che vengono utilizzati per queste attività non eseguono semplicemente operazioni, ma sono opportunamente programmati affinché siano in grado di discriminare una situazione da un’altra e di eseguire una certa attività quando le condizioni lo richiedono.

Tutto ciò rende questi robot decisamente più vicini all’intelletto umano rispetto alle tradizionali macchine operative, in quanto questi dispositivi montano un vero e proprio elaboratore di dati.

Gli obiettivi dell’automazione industriale

Gli obiettivi dell’adozione di simili tecnologie a livello industriale sono principalmente due. In primo piano vi è il bisogno di aumentare i ritmi di produzione, allo scopo di soddisfare la domanda degli utenti, senza tuttavia pregiudicare la qualità del servizio, che deve mantenere standard di elevatissima qualità.

Nel caso di Amazon, ad esempio, c’è da considerare che l’adozione dei robot Kiva ha ridotto in maniera importante gli errori dovuti alla componente umana, dando vita a una maggiore soddisfazione degli utenti.

In secondo luogo, l’obiettivo è quello di ridurre drasticamente i costi aziendali. Facendo nuovamente riferimento all’esempio di Amazon, si stima che i costi dell’impresa legati alla logistica si siano ridotti del 20%, il che è un valore decisamente ragguardevole.

Competenze necessarie per implementare l’automazione nell’industria

Le competenze richieste per poter implementare nuovi sistemi di automazione industriale afferiscono, come già accennato, a molteplici campi: sono necessarie competenze elettroniche, meccaniche e informatiche. Un “automa per l’industria” deve possedere sensori che fungano da input, uno o più elaboratori (solitamente una scheda logica) in grado di interpretare le informazioni, e attuatori che completino l’azione elaborata dall’intelligenza artificiale.

Il futuro della factory automation

Le future novità che riguarderanno la factory automation sono ancora oggetto di discussione. Si prevede, senza ombra di dubbio, un’adozione sempre più importante delle macchine intelligenti, e a più livelli di produzione.

Gli obiettivi, al momento, restano la ricerca di una ulteriore compattezza (macchine più piccole in grado di svolgere il loro ruolo in maniera più efficiente), l’ottimizzazione delle performance e la riduzione dei costi.