Automazione industrialeManagement della produzioneManufacturing

I passi da fare per automatizzare la propria produzione nell’ottica dell’industria 4.0

Quando si vuole avviare il processo di automazione della produzione aziendale, occorre svolgere diversi passi affinché sia possibile integrare correttamente gli svariati sistemi e soprattutto prevenire il minimo errore, che vorrebbe dire rischiare di svolgere degli investimenti totalmente errati che avranno delle ripercussioni negative sia nel breve che nel lungo termine.

Vediamo quali sono gli svariati passaggi che devono essere svolti affinché automatizzare il processo produttivo avvenga in modo corretto.

La pianificazione dell’automazione industriale

In ottica industria 4.0, dove i sistemi diventano maggiormente intelligenti e autonomi, la mano dell’uomo deve essere sempre presente e soprattutto questa deve dare inizio al processo di mutamento della produttività.

Affinché questo possa avvenire è necessario che, alla base di ogni singola fase di lavorazione, vi sia un’attenta progettazione che prenda in considerazione tutte le aree produttive dell’azienda, proprio per avere una valutazione generale dell’operato e le lacune che possono trovare un rimedio e miglioramento costante grazie all’implementazione delle nuove tecnologie.

Alcuni reparti dell’impresa potrebbero necessitare di una forte e rapida modifica mentre altre possono invece essere sottoposte al processo di miglioramento aziendale e automazione con tempistiche maggiormente lunghe.

Pertanto occorre svolgere delle analisi che devono essere effettuate con estrema precisione e che necessita della massima attenzione, in quanto la progettazione deve essere frutto di una serie di calcoli che dovranno essere privi del minimo errore.

Che tecnologia acquistare

Dopo aver scelto tutte le are che verranno investite dal processo di automazione, occorre passare alla fase successiva di lavorazione, ovvero quella relativa alla scelta delle tecnologie che devono essere implementate all’interno dell’impresa.

Per rendere il concetto di industria 4.0 maggiormente presente all’interno della propria azienda, sarà necessario puntare su diversi strumenti, quali sensori e bracci meccanici, nonché sistemi intelligenti e reattivi, i quali hanno lo scopo preciso di tramutare la propria impresa da industria semplice, o comunque non proprio all’avanguardia, a quella 4.0.

La scelta della tecnologia deve essere svolta con molta calma e specialmente facendo in modo che un tecnico esperto sia presente: questo deve offrire tutta la consulenza necessaria all’impresa affinché questa possa compiere le decisioni migliori e si possano prevenire eventuali acquisti che sono tutt’altro che corretti e utili all’impresa stessa.

Mediante le consultazioni si potranno visualizzare i diversi tipi di strumenti che necessitano di essere implementati con maggior urgenza all’interno del reparto produttivo aziendale e quali, invece, possono anche essere momentaneamente accantonati in favore di altri strumenti che assumono la massima priorità.

Pertanto occorrerà far svolgere perizie precise in maniera tale da avere quella panoramica che possa essere definita come generale e che conduca il responsabile dell’impresa verso le scelte migliori che avranno un impatto perfetto sull’azienda, rendendola maggiormente smart in lassi di tempo ridotti.

L’impresa e il budget a disposizione per l’evoluzione

Naturalmente l’impresa dovrà anche calcolare nel dettaglio le diverse risorse economiche sulle quali poter fare affidamento, affinché i lavori di miglioramento dell’azienda stessa possano essere svolti in modo efficace e che l’acquisto delle diverse apparecchiature possa volgere a buon fine, senza alcuna perdita di tempo.

In questo frangente è necessario calcolare anche l’apporto di capitali esterni, ovvero richiesta di prestiti e fondi vari affinché la model degli interventi necessari al miglioramento aziendale possano essere svolti con la massima precisione, prevenendo ogni genere di imprecisione.

Alla base della scelta sui macchinari vari e sistemi di comunicazione all’interno dell’impresa vi deve essere un piano di ammortamento e ritorno dell’investimento ben calcolato, dato che in caso contrario la stessa impresa potrebbe soffrire di quello che può essere facilmente definito come eccesso di denaro investito, nonché di confidenza nelle proprie capacità, tramutando una situazione positiva per l’impresa in un vero e proprio errore che dovrebbe essere sempre evitato.

Di conseguenza questi calcoli aggiuntivi devono essere effettuati con grande calma, soprattutto dopo che si visualizzano e selezionano, almeno teoricamente, i macchinari che devono essere installati presso la propria azienda.

L’implementazione dei nuovi sistemi e l’aggiornamento del personale

Mancano ancora due fasi per rendere il concetto che rappresenta l’industria 4.0 presente nella propria azienda e il primo di questi riguarda l’implementazione dei nuovi sistemi presso la propria impresa.

Questa fase deve essere svolta con cautela, cercando quindi di apportare ogni modifica per volta, facendo in modo che il personale possa essere in grado di apprezzare e scoprire tutti i vantaggi che vengono ottenuti durante l’utilizzo di questo genere di strumento.

L’impresa deve dare il tempo alla forza lavoro di abituarsi al cambiamento apportato nella fase produttiva e allo stesso tempo invitare la medesima alla partecipazione a dei corsi di aggiornamento professionale.

Questo per un semplice motivo: procedendo in questa maniera è possibile offrire ai propri dipendenti l’occasione di imparare a sfruttare gli svariati nuovi macchinari intelligenti e riuscire a coesistere con gli stessi, creando un binomio dove l’uomo programma le diverse macchine in maniera corretta e queste svolgono la mansione per la quale sono nate senza palesare la minima incertezza, prevenendo dunque una serie di complicazioni con grosse ripercussioni a livello produttivo.

Si tratta quindi di un doppio passo fondamentale che deve essere svolto con estrema precisione proprio per prevenire imprecisioni di ogni natura: a ogni inserimento corrisponde un percorso formativo che stimolerà la forza lavoro umana e che permetterà alla stessa di sentirsi ancora parte integrante di quella realtà lavorativa, prevenendo dunque l’inutile rivalità che potrebbe sorgere tra macchinari e uomini.

Grazie a questa strategia l’impresa potrà riuscire a modificare i propri processi produttivi e sposarsi con maggior facilità al concetto di industria 4.0, che rappresenta il futuro della nuova impresa e farà in modo che l’evoluzione dell’azienda riesca a garantire un incremento della stessa produttività e possa prevenire una serie di imprecisioni che, col vecchio concetto di industria, potrebbero essere presenti.

Ecco dunque come procedere affinché l’evoluzione della propria impresa possa essere compiuta in modo corretto, prevenendo una serie di errori che rendono tale passaggio meno semplice del previsto.